marzo 1, 2024

Poco dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina lo scorso anno, gli ingegneri della Convex, una società di telecomunicazioni russa, avevano bisogno di trovare attrezzature americane per trasmettere dati al temuto servizio di intelligence del paese. Ma non c’è stato alcun intervento dopo che le nazioni occidentali hanno imposto nuovi radicali limiti commerciali alla Russia.

I dipendenti di Convex hanno trovato presto una soluzione.

Mentre Cisco, un fornitore tecnologico statunitense, aveva interrotto le vendite in Russia il 3 marzo 2022, gli ingegneri di Convex hanno ottenuto facilmente l’attrezzatura Cisco di cui avevano bisogno attraverso un oscuro sito di e-commerce russo chiamato Nag, che aveva aggirato le restrizioni commerciali internazionali acquistando l’americano attrezzature attraverso una rete di fornitori in Cina.

Gli ingegneri di Convex hanno poi visitato gli uffici del Servizio di sicurezza federale russo, noto come FSB, a Ekaterinburg per installare l’attrezzatura che avrebbe aiutato a classificare e inviare i dati alle autorità. «Coordinare con l’FSB il posizionamento dello switch Cisco Catalyst WS-C4948E», ha scritto un ingegnere di Convex il 23 marzo 2022, secondo un registro delle comunicazioni aziendali ottenuto dal New York Times.

Nei 22 mesi trascorsi dall’inizio della guerra in Ucraina, la Russia ha continuato a dotarsi della tecnologia necessaria per far funzionare la propria economia. Dopo che le restrizioni all’esportazione e i divieti aziendali hanno inizialmente portato a interruzioni degli scambi, i fornitori russi hanno trovato scappatoie e cercato soluzioni alternative. Quasi nessun componente hardware commerciale – comprese le apparecchiature di telecomunicazione di base, le attrezzature di sorveglianza, i microchip per sistemi informatici avanzati e sistemi d’arma e i droni – è stato troppo difficile da ottenere.

Le autorità e le aziende russe si sono unite per trarre vantaggio dalle crepe nella risposta globale. Hanno intercettato reti di intermediari, compresi intermediari in Cina, e hanno mascherato la loro attività attraverso società di comodo, secondo le e-mail trapelate del governo russo, i documenti commerciali e i registri delle conversazioni online tra ingegneri russi ottenuti dal Times.

Si sono anche rivolti a paesi che hanno mantenuto posizioni neutrali nel conflitto, come il Marocco e la Turchia, e hanno utilizzato i loro porti per ricevere merci dai centri di produzione tecnologica globale che vengono poi caricate su altre navi dirette verso la Russia, un processo noto come trasbordo. . I prodotti tecnologici vietati sono stati poi resi disponibili per l’acquisto da fornitori noti e su siti di e-commerce facili da usare come Nag.

La flessibilità è stata fondamentale. Nelle e-mail settimanali, i funzionari commerciali russi hanno condiviso suggerimenti su quali porti avrebbero trasferito merci, chi avrebbero scambiato rubli e dove le navi battenti bandiera russa avrebbero potuto essere riparate, mostrano i documenti. Se un fornitore smetteva di vendere, ne trovava un altro. Se una rotta marittima veniva interrotta, ne venivano sostituite di nuove.

I documenti offrono un raro scorcio di una corsa in cui i commercianti russi sono rimasti un passo avanti rispetto agli sforzi guidati dagli Stati Uniti per tagliarli fuori. Il loro successo dimostra quanto sia difficile fermare il movimento globale della tecnologia commerciale, sollevando interrogativi sull’efficacia delle restrizioni commerciali occidentali e sulla questione se i giganti della tecnologia debbano controllare meglio le destinazioni dei loro prodotti – e se sia possibile farlo.

Leer más  Mediapocalypse Now, Chris Dixon de a16z defiende Crypto y HatGPT

Cisco ha rifiutato di commentare. Convex non ha risposto alle richieste di commento.

Gli investigatori governativi a corto di personale negli Stati Uniti e in Europa non riescono a tenere il passo con il flusso spesso oscuro di merci, ha affermato Elina Ribakova, un’economista che ha studiato l’evasione delle sanzioni presso il Peterson Institute for International Economics, un think tank statunitense. Le principali aziende tecnologiche, ha aggiunto, devono fare di più per tagliare le forniture alla Russia.

«È un gioco Whac-a-Mole senza fine», ha detto. “Dovrebbe esserci allarme, soprattutto tra i politici, perché abbiamo annunciato molte sanzioni e potremmo credere che funzionino, ma in realtà non lo sono”.

Quando le sanzioni contro la Russia sono entrate in vigore lo scorso anno, ProSoft, un fornitore di elettronica con sede a Mosca, ne ha subito le conseguenze.

I funzionari dell’azienda, che vende apparecchiature e tecnologie di sorveglianza biometrica per l’industria pesante e le infrastrutture critiche, hanno inviato un’e-mail alla missione commerciale del governo russo in Marocco per chiedere aiuto, secondo un messaggio esaminato dal Times.

«Solo una settimana fa, non è stato difficile spedirceli da fornitori americani ed europei», ha scritto un dirigente di ProSoft, riferendosi alla tecnologia ora vietata. Ora “corriamo il rischio di iniziare a ridurre la produzione (ci sono piccole riserve in magazzino)”.

Un foglio di calcolo allegato al messaggio elencava centinaia di microchip e sensori americani, europei e giapponesi di cui ProSoft aveva bisogno.

All’epoca, l’economia russa stava assorbendo gli effetti iniziali delle restrizioni commerciali. Il rublo è crollato, l’inflazione e i tassi di interesse sono saliti alle stelle, le banche russe sono state tagliate fuori da ampie fasce del sistema finanziario globale e gli oligarchi sono rimasti impotenti mentre i loro yacht venivano sequestrati.

Ma il dolore non è durato poiché il presidente Vladimir V. Putin ha rifatto l’economia russa. Funzionari e dirigenti russi si sono rapidamente uniti per trovare soluzioni alternative. I lealisti politici hanno tratto profitto dalla fuga delle aziende occidentali.

In Marocco, anche l’ufficio commerciale russo, che si occupa degli interessi economici del paese all’estero, ha aiutato le aziende russe a ritrovare la loro posizione. Dopo che ProSoft ha chiesto aiuto, i funzionari commerciali sono entrati in azione.

“Siamo in costante contatto con il direttore generale” del porto statale marocchino di Tanger Med, ha scritto un funzionario russo in un’e-mail dell’aprile 2022. «Nel caso in cui le navi entrino sotto bandiera russa, non ci saranno problemi con la manutenzione.»

Un portavoce di Tanger Med, che abbraccia lo Stretto di Gibilterra, ha detto che il porto ha affittato spazio alle compagnie di navigazione e non ha “alcuna informazione né responsabilità” sulle navi che si muovono attraverso il complesso. Il porto, che movimenta più di otto milioni di container ogni anno collegandosi a 180 porti internazionali, “non era a conoscenza” delle merci spedite che facevano scalo nei porti russi prima o dopo essere stati a Tangeri Med, o della manutenzione delle navi russe in corso, ha aggiunto.

Leer más  Correos electrónicos de ejecutivos de Microsoft pirateados por un grupo vinculado a la inteligencia rusa

Nel novembre del 2022, i funzionari commerciali russi in Marocco si vantavano del fatto che il loro “sostegno diretto” aveva trasformato il paese africano in un hub di trasbordo di prodotti elettronici. Le merci provenienti da Taiwan, dalla Cina e da altri centri di produzione venivano scaricate a Tanger Med e poi caricate su altre navi dirette in Russia.

«Considerando la natura a lungo termine della cooperazione con il partner marocchino, il volume delle forniture potrebbe ammontare a circa 10 milioni di dollari all’anno», hanno scritto i funzionari commerciali riguardo al loro lavoro per ProSoft.

ProSoft manteneva anche le forniture di tecnologia occidentale con l’aiuto di un’oscura società di rottami metallici registrata a Casablanca, in Marocco. Dopo l’inizio della guerra, la società Invent Maroc creò un nuovo sito web e inviò la tecnologia riservata attraverso il Marocco alla Russia, compresi i microchip di Texas Instruments, Intel e NXP, secondo i dati commerciali. Nel 2022, gli Stati Uniti avevano limitato l’esportazione verso la Russia di semiconduttori realizzati con apparecchiature o proprietà intellettuale americane.

Invent Maroc, gestita da un uomo di nome Alexander Trinz, non aveva precedenti di esportazioni internazionali. Eppure, secondo i registri commerciali, si riforniva di elettronica da Costa Rica, Malesia, Taiwan, Cina, Giappone e Messico.

In una telefonata di questo mese, Trinz ha detto di aver fornito tecnologia alla Russia in passato, ma non dopo la guerra. «Prima lavoravamo con la Russia, ma in questo momento non possiamo», ha detto.

Un’analisi delle offerte di ProSoft ha rilevato quasi 300 prodotti in vendita che contengono chip Intel, nonché componenti realizzati da Nvidia e un chip per computer ottimizzato per l’intelligenza artificiale progettato da Google. Anche se non è chiaro come siano state utilizzate le importazioni, secondo gli esperti di armi sono stati trovati chip americani su missili e droni russi.

Nvidia, Intel e Google hanno rifiutato di commentare. Texas Instruments si è detta contraria “al dirottamento illecito dei nostri prodotti verso la Russia”. ProSoft, NXP e il rappresentante commerciale della Russia in Marocco non hanno risposto alle richieste di commento.

Nell’ottobre 2022, i funzionari commerciali russi hanno dichiarato di aver nominato 20 operatori nel porto di Tangeri Med per “effettuare tempestivamente” la logistica di carico delle merci su navi “feeder” dirette infine alla Russia, secondo un rapporto di spedizione settimanale. Un altro rapporto rilevava che i porti della Turchia, membro dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico, avevano accettato pagamenti in rubli.

“Le restrizioni delle sanzioni sono state superate con successo”, ha affermato un rapporto del governo riguardo a una rotta commerciale turca questo marzo.

Su siti di e-commerce russi poco conosciuti come Nag, OCS Distribution, 3Logic Distribution e 4Telecom, sono in vendita tecnologie complesse realizzate dai principali produttori di telecomunicazioni americani ed europei, come Cisco, HP, Juniper, Ericsson e Nokia.

Molti di questi siti hanno venduto liberamente la tecnologia occidentale per decenni, ma hanno revisionato le loro catene di approvvigionamento a causa della guerra. Da allora, secondo i registri commerciali, le piattaforme hanno ricevuto centinaia di milioni di dollari in tecnologia dalla Cina.

Leer más  Los terroristas están pagando por las garrapatas en X, según un informe

Secondo Silverado Policy Accelerator, un’organizzazione no-profit che studia le rotte commerciali russe, la Cina e Hong Kong hanno fornito l’85% dei semiconduttori importati in Russia dal marzo 2022 al settembre 2023, rispetto al 27% prima del conflitto.

Nag, che vende hardware alle telecomunicazioni regionali e agli appaltatori di sorveglianza, è una delle principali piattaforme. Secondo i dati commerciali, attraverso intermediari, ha acquistato circa 100 milioni di dollari in tecnologia americana limitata dall’inizio della guerra. In totale, quest’anno ha importato hardware dalla Cina per 150 milioni di dollari, mostrano i dati. Gli strumenti di comunicazione, a cui è stato apparentemente vietato raggiungere la Russia, sono prontamente disponibili sul suo sito, filtrati per prezzo, tipo di prodotto e quantità.

Secondo le comunicazioni interne, i dipendenti di Nag hanno parlato delle sfide logistiche causate dalle sanzioni internazionali. Nel maggio 2022, un dipendente di Nag ha scritto a un cliente russo che “il vecchio sistema di trasporto è terminato”, ritardando la consegna di 20.000 dollari di attrezzature Juniper. Un mese dopo, Nag mi ha risposto che il problema era stato risolto e che l’attrezzatura sarebbe arrivata nei prossimi mesi.

Era disponibile anche la tecnologia per creare sorveglianza e censura online. Gli operatori di telecomunicazioni russi sono tenuti per legge a fornire dati sulle comunicazioni dei clienti ai servizi di sicurezza, il che significa che devono acquistare apparecchiature specializzate che inviano le informazioni agli agenti governativi. Sulle bacheche di Nag, ora accessibili solo dalla Russia, gli ingegneri hanno pubblicato suggerimenti tecnici per far funzionare i sistemi secondo le specifiche dell’FSB.

Ericsson, Juniper, Nokia e IBM hanno affermato che qualsiasi importazione in Russia è stata effettuata senza il loro consenso. OCS Distribution ha affermato che «non vende prodotti in violazione di sanzioni e restrizioni internazionali» e che qualsiasi tecnologia di questo tipo elencata per l’acquisto sul suo sito Web era lì perché era nel bel mezzo di una revisione. HP, 3Logic Distribution e 4Telecom non hanno risposto alle richieste di commento.

Anche una rete di aziende e marchi gestiti da Nag in Kazakistan, Uzbekistan ed Emirati Arabi Uniti ha contribuito a oscurare le spedizioni di tecnologia sanzionata. In totale, nell’ultimo anno, Nag ha portato in Russia quasi 10 milioni di dollari in apparecchiature Cisco e circa 1 milione di dollari in prodotti Nokia e Intel.

Negli uffici dell’FSB a Ekaterinburg, le apparecchiature Cisco installate dagli ingegneri di Convex si trovavano accanto ai router realizzati da Juniper, secondo i registri di Convex. Meno di un anno dopo, la disponibilità della tecnologia occidentale era così abbondante che gli ingegneri di Convex potevano guardarsi intorno.

In una conversazione sul sistema di messaggistica interna di Convex quest’anno, gli ingegneri si sono concentrati su un nuovo fornitore che avevano «individuato». Il fornitore, che operava sotto il nome sale-server.ru, disponeva di numerose tecnologie di marchi limitati di HP, IBM e altri. Ancora più importante, il prezzo era giusto.

«Più economico di Nag», ha scritto un dipendente di Convex.